Costo dell’elettricità

Il costo dell’elettricità per le famiglie in Italia ha visto un aumento complessivo durante questo periodo, passando da 19,65 a 23,01 centesimi di euro per chilowattora. Tra il 2010 e il 2015, c’è stato un graduale allungamento dei costi, con un picco di 24,5 centesimi di euro per chilowattora. 

Gli anni consecutivi hanno registrato un costante declino, scendendo a 20,67 centesimi di euro entro la prima metà del 2018 prima di ricominciare a salire.

Prezzi elevati dell’elettricità

I prezzi che l’utente medio in Italia si è ritrovato nella bolletta hanno subito molte variazioni al trimestre tra il 2014 e il 2018. Nonostante abbia percepito un calo di circa l’8% nel secondo trimestre del 2018, i trimestri seguenti hanno visto nuovamente ulteriori aumenti, con i prezzi in crescita di quasi l’8% alla fine dell’anno. A partire dal 2018, l’Italia ha pagato alcuni dei prezzi più alti per l’elettricità nel mondo.

Costo dell’elettricità: fattori di prezzo

Elementi come il carburante utilizzato per creare energia, giocano un ruolo nei prezzi corrisposti per l’elettricità. Il paese fa ricorso principalmente al gas naturale per il suo mix energetico e nel 2017 ha rappresentato il 45 percento del totale. 

Nonostante faccia appello al gas, l’Italia ne produce pochissimo, perciò dipende dalle importazioni. In effetti, l’Italia è il secondo importatore di gas naturale in tutta Europa. I principali esportatori di gas naturale in Italia erano Russia e Algeria nel 2017.
Di seguito proponiamo, in breve, 5 metodi per tagliare i costi del nostro dispendio energetico.

1. Risparmia sulla bolletta energetica

Scollega gli apparecchi quando non li stai utilizzando. La TV, il computer, il forno a microonde e persino alcune lavatrici possiedono una modalità “standby”, il che indica che stanno ancora utilizzando l’energia anche quando non sono in uso.

Acquista elettrodomestici con una buona classificazione energetica.Più alta la classe, meglio è, ma prima focalizzati sulle dimensioni del prodotto. Spesso è più facile per un modello più grande essere anche più efficiente (e quindi avere una valutazione più alta) di un modello più piccolo. Tuttavia, poiché è più grande, il suo consumo complessivo di energia è generalmente più elevato.

Scegli la lavatrice giusta. Sebbene di solito costino di più, la maggior parte delle lavatrici a caricamento frontale consente di risparmiare denaro nel tempo e sono più riguardose dell’ambiente perché adoperano meno energia, acqua e detergente rispetto ai caricatori migliori.

2. Costo dell’elettricità: riscaldamento e raffreddamento

Isola il tetto o il soffitto. Ciò contribuirà a mantenere la tua casa una temperatura piacevole in estate e in inverno. Ti fa risparmiare denaro in bollette energetiche e si ripaga da solo in un tempo relativamente breve.Proteggi le tue finestre. Durante le calde giornate estive questo aiuterà a tenere il calore all’esterno, e nelle notti fredde tende o persiane contribuiscono a mantenere il calore nell’ambiente domestico.

3. Pondera l’utilizzo della tua auto

Anche se guidi un’auto a basso consumo, eventualmente è una buona idea lasciarla a casa e muoversi a piedi o in bicicletta, oppure prendere i mezzi pubblici.

4. Costo dell’elettricità: occhio alle etichette di efficienza idrica

Lo schema di etichettatura e standard di efficienza idrica consente di commisurare l’efficienza idrica di diversi prodotti: più alta la valutazione, meglio è. Esse sono obbligatorie per tutte le nuove lavatrici domestiche, lavastoviglie, docce, servizi igienici, orinatoi e la maggior parte dei rubinetti.

5. Affidati al rinnovabile

La famiglia media emette circa 14 tonnellate di gas serra ogni anno, metà delle quali giunge dalla produzione di elettricità. Ciò contribuisce al cambiamento climatico e al riscaldamento globale.Un modo semplice e relativamente economico con cui tutti possono fare la differenza è passare all’ “energia verde“. 

Ciò significa utilizzare l’energia generata da fonti rinnovabili pulite come il sole, il vento, l’acqua e l’energia dei rifiuti, piuttosto che il carbone.

Leave a comment